Tirreno Power monitora con prelievi periodici la presenza di polveri delle proprie emissioni. In ottemperanza all’attuazione dell’AIA, il controllo viene effettuate da una società certificata. Campionamento e analisi sono realizzati secondo standard definiti a livello internazionale.

Nella tabella riassuntiva sono riportati i dati risultanti dai prelievi effettuati nell’ambito dei controlli per tutti gruppi presenti e per tipologia di PM 10 e PM 2,5, dal 2007 al 2013. Il limite stabilito dalla legge a tutela dell’ambiente e della salute per le polveri totali è di 20 mg/Nm3: Nel corso degli anni i processi di ambientalizzazione hanno determinato una forte riduzione delle emissioni. Nel complesso la riduzione è stata di circa il 90% rispetto alla fine degli anni ’90, prima degli interventi di ambientalizzazione e quelli successivi programmati da Tirreno Power proprietaria degli impianti dal 2003. L’AIA considera tutte le diverse attività della Centrale di Vado Ligure che hanno un impatto sull’ambiente e tutte le condizioni di funzionamento dell’impianto anche nei periodi di fermata e di riavvio.

La normativa stabilisce che il rilascio dell’ AIA per un impianto come la Centrale di Vado Ligure sia competenza del Ministro dell’Ambiente del Territorio e del Mare con una Conferenza di Servizi. La Conferenza di Servizi è un istituto di semplificazione amministrativa necessaria per l’emissione di atti o autorizzazioni che necessitano i pareri/ nulla osta di più enti e o amministrazioni.

tabella